Cinghie di trasmissione per moto: migliori prodotti di Settembre 2021, prezzi, recensioni

Per capire che cosa sia una cinghia di trasmissione per la moto, dovremo andare a conoscere cos’è la cinghia. La cinghia è una parte di trasmissione meccanica che va utilizzata per collegare in modo elastico due alberi, mediante l’uso di pulegge, il cui interasse è piuttosto elevato. La trasmissione  a cinghia è usata per trasmettere il moto, quindi, tra due alberi lontani tra di loro. Le cinghie possono essere composte da anelli chiusi di cuoio, fibre tessili e fili di nylon gommati. Andiamo a vedere in questo articolo quali sono i vari tipi di cinghia.

Tipologie di cinghia

Esistono vari tipi di cinghie, a seconda dell’uso e della situazione in cui devono operare. Vediamo una breve lista con le loro descrizioni:

  • Cinghia piatta, queste cinghie sono impiegate per trasmettere potenze non elevate fra alberi paralleli molto distanti. La trasmissione del moto può avvenire solo se si realizza tra la superficie interna della
    cinghia e la periferia delle pulegge un’aderenza tale da impedirne lo slittamento. La puleggia motrice, dunque, va a trascinare la cinghia, che di conseguenza, fa girare la puleggia condotta. Le due pulegge gireranno nello stesso verso, quindi avremo due tratti di cinghia definiti ramo conduttore e ramo condotto;
  • Cinghia trapezoidale, è sicuramente un ottimo compromesso tra dimensione, potenza trasmissibile e massima velocità. La cinghia è composta da un’anima di fili di nylon che trasmettono il moto di trazione;
  • Cinghia poly-V, questa cinghia nei motori per auto ha sostituito il sistema a più cinghie trapezoidali, una o due prendono il moto dall’albero motore per azionare contemporaneamente l’alternatore, la pompa dell’acqua, i compressori del servosterzo e dell’aria condizionata.
  • Cinghia dentata, queste cinghie dentate sono usate quando è importante trasmettere una grande potenza senza perdite dovute da slittamenti e quando è richiesta una particolare silenziosità. Sono molto usate in campo motociclistico, soprattutto per la loro affidabilità.

Cos’è la trasmissione?

La trasmissione è l’insieme di organi che servono per trasferire la potenza generata dal motore alle ruote o più in generale dal motore all’elemento finale a cui viene collegata la trasmissione. La trasmissione può essere diversa a seconda del veicolo, andiamo a vedere quali tipi di trasmissione esistono.

Trasmissione meccanica

Nei veicoli di solito la trasmissione di tipo meccanico, ed è costituita da:

  • frizione, che permette di isolare temporaneamente l’albero di trasmissione dall’albero motore per effettuare una partenza graduale e per il cambio delle marce;
  • dal cambio, che quindi cambia il rapporto di trasmissione tra le ruote e il motore;
  • dai giunti elastici, che danno elasticità all’albero di trasmissioni;
  • dai giunti cardanici, che deviano la direzione degli alberi di trasmissione;
  • dall’albero di trasmissione, ovvero trasferisce il moto dal cambio all’uscita motore;
  • dalla coppia conica, che cambia il moto rotatorio;
  • dal differenziale, che regola la rotazione tra le due ruote;
  • dai semiassi, ovvero gli alberi che collegano il differenziale alle ruote;
  • dagli ingranaggi, che generalmente costituiscono la trasmissione finale con cambio a variatore o la trasmissione iniziale;
  • dalla catena di trasmissione.

Trasmissione fluidodinamica

Questo è un sistema di trasmissione della potenza che si basa sulla pressione di un liquido, di solito olio. E svincola la progettazione dalla posizione di assi ed ingranaggi, poiché il moto può essere trasmesso attraverso tubi flessibili. La trasmissione fluidodinamica elimina la necessità di cambio e differenziale. La velocità del veicolo viene infatti determinata dal flusso di olio ai motori.

Trasmissione elettrica

La soluzione ottimale è la trasmissione che si basa sull’energia elettrica, grazie anche ai progressi nell’elettronica di gestione della potenza. Il motore a combustione interna aziona un alternatore, poi attraverso cavi elettrici, l’energia viene portata ad un quadro di controllo dove viene infine regolata attraverso un inverter, e inviata a diversi motori elettrici, uno per ogni ruota o elica. Questo è un sistema ottimo, poiché il motore può essere fatto funzionare ad un regime di rotazione sempre ottimale, eliminando la necessità di cambio e differenziale.

Quando va sostituita la cinghia di trasmissione?

Adesso che abbiamo capito cosa sono le cinghie e le trasmissioni, andiamo a capire come e quando sostituire la cinghia di trasmissione. L’usura eccessiva della cinghia di trasmissione può causare anche seri danni a carico della pompa dell’acqua e delle valvole, portando alla distruzione del motore nella sua totalità. Nel momento in cui la cinghia si dovesse danneggiare potrebbe provocare dei danni rilevanti al motore, quindi come facciamo a capire quando va cambiata? Molti anni fa una cinghia di trasmissione usurata diventava rumorosa, soprattutto all’avvio del veicolo. Oggi, invece, bisogna sempre affidarsi ad altri parametri. Di solito nei libretti di uso e manutenzione delle sono indicati alcuni elementi che possono far capire quando sia il caso di sostituire la cinghia di trasmissione.
Si può trovare scritto che una cinghia di trasmissione potrà durare circa per un chilometraggio tra i 100 mila e i 180 mila chilometri. Ma nel caso in cui prima di raggiungere i chilometri previsti, la cinghia dovesse iniziare a fare rumore, allora potrebbe essere il caso di andare a cambiarla.

Costo

Sostituire una cinghia può costare tra i 450 e i 600 euro, molto dipende anche dal veicolo e dalla manodopera che richiederà il vostro meccanico.

Appassionata della lettura e dell’arte. Amante della scrittura. Scrivo dai periodi delle medie, ma dopo il liceo ho iniziato a perfezionarmi. Ho collaborato con qualche casa editrice, due pubblicazioni certificate e molte altre in self.  Da sempre ho creduto nella passione per la scrittura degli articoli, mi piace tutto ciò che ruota attorno alla tecnologia, alle moto e alla musica. Sono felice di poter scrivere articoli su questi temi.

Back to top
tuttoperilmotociclismo.it